Classificazione Oli di Oliva

by admin
17 Agosto 2021
Category:   Senza categoria

Oli di oliva vergini, oli di oliva e olio di sansa: le differenze

Claudio Vignoli Group

Claudio Vignoli Group

OLI DI OLIVA VERGINI, OLI DI OLIVA E OLIO DI SANSA: LE DIFFERENZE

Può sembrare scontato scriverlo, ma gli oli di oliva non sono tutti uguali. Questo vale per la qualità, l’acidità e le caratteristiche organolettiche che li distinguono, ma anche per la loro origine e i metodi produttivi.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Per fare un po’ di chiarezza e orientarci meglio nell’acquisto, vediamo assieme i diversi tipi di olio che il mercato mette a disposizione.

Prima di iniziare, è necessaria una premessa.

Gli oli di oliva “vergini” – che escludono l’olio di sansa – sono quelli ottenuti solo mediante processi meccanici che consentono di preservare le proprietà delle olive e si distinguono in extravergine, vergine e lampante.

Un prodotto viene collocato nelle suddette categorie dopo essere stato sottoposto ad analisi chimica e all’assaggio da parte di esperti che hanno il compito di determinare quelle caratteristiche che nessuno strumento meccanico o elettronico è in grado di percepire: difetti e tendenza fruttata.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Olio extra vergine di oliva: nella categoria degli oli di oliva vergini è quello di maggiore qualità. La legge impone che la sua acidità sia inferiore o uguale a 0,8 grammi per 100 grammi di prodotto. All’assaggio, la mediana del difetto deve essere pari a zero, mentre la mediana del fruttato deve essere superiore allo stesso valore.

Olio di oliva vergine: in termini di qualità, si posiziona dietro all’olio extravergine di oliva. La sua acidità deve essere minore o uguale a 2 grammi per 100 grammi di prodotto. Le mediane del difetto e del fruttato sono meno “pregiate” dell’olio extravergine di oliva.

Olio di oliva lampante: la sua acidità è superiore a 2 grammi per 100 grammi di prodotto. Presenta elevati livelli di acidità e gusto e odore poco pregevoli. È considerato di scarsa qualità organolettica tanto che è lavorato per poter essere migliorato, divenendo un prodotto di raffinazione. Miscelato ad olio extravergine o vergine diventa olio di oliva.

Olio di oliva: è il risultato della miscelazione di oli extravergini o vergini e oli raffinati. Il tenore di acidità deve essere superiore o uguale a 1 grammo per 100 grammi di prodotto.

Olio di sansa di oliva greggio: si ricava dalla lavorazione dei residui solidi – sanse – ottenuti dalla spremitura delle olive (bucce, polpa, noccioli) che contengono ancora una percentuale di olio. È estratto mediante l’utilizzo di solventi, poi separati per distillazione.

Olio di sansa raffinato: è il risultato del processo di raffinazione dell’olio di sansa greggio finalizzato a ridurre l’acidità del prodotto e a rimuovere le componenti ossidate.

Olio di sansa di oliva: si ottiene dalla miscelazione dell’olio di sansa raffinato e olio vergine di oliva.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

➡ Avete una domanda in particolare sull’olio di oliva? Scrivetela nei commenti, inviateci un messaggio oppure mandate una mail a claudio@claudiovignoli.com.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Articoli recenti

  • Archivio articoli x anno/mese

  • Blog

    Blog
  • Dr Vera Sergeeva

    Dr Vera Sergeeva
  • Mercacei

    Mercacei
  • Coi Madrid – Olive News

    Coi Madrid – Olive News