Farine di roccia per concimare

by admin
25 Agosto 2021
Category:   Senza categoria

Farine di roccia per fertilizzare a lungo senza errori

OrtvarChi coltiva e ama le piante farebbe di tutto per migliorare il terreno del proprio orto! Letame, compost, fertilizzanti di ogni tipo e natura! C’è tuttavia un prodotto di cui non abbiamo mai parlato su InOrto, se non in seconda battuta o in modo superficiale: la farina di roccia. E un lettore ci ha scritto per farcelo notare, quindi come negare a questo punto un giusto e meritato approfondimento!

La farina di roccia, o forse è meglio usare il plurale e dire le farine di roccia, perché ce ne sono di svariati tipi e non sono tutte uguali, sono degli ottimi ammendanti, fertilizzanti e all’occorrenza si trasformano in antiparassitari e fungicidi.

La loro composizione varia a seconda dei luoghi da cui provengono e quindi può variare anche il loro contenuto di calcio, potassio e magnesio, ma tutte però sono ricchissime di preziosi microelementi.

 

Come fertlilizzante – Queste sottilissime polveri non agiscono come dei veri e propri fertilizzanti, perché i minerali e i microelementi in esse contenuti, devono venire prima sciolti e rielaborati nel terreno ad opera dei microroganismi  e dei processi fisici che si verificano con il tempo. Le farine di roccia quindi entrano nel processo biologico del terreno molto lentamente e in modo continuativo, per questo è quasi impossibile commettere errori concimando con la farina di roccia. Per chi è alle prime armi e per i terreni che sono stati appena riconvertiti ai metodi naturali, le farine di roccia sono un alleato importante per avere una fertilità stabile e duratura.farina roccia

Le farine di roccia inoltre aiutano il terreno a trattenere le sostanze nutritive e l’umidità. Quando vengono usate frequentemente il suolo diventa più umido e si mantiene più fertile a lungo. Senza addentrarsi troppo nei meandri delle spiegazioni scientifiche, una cosa l’abbiamo capita: le polveri di roccia sono utilissime e cospargerle sul terreno non può che apportare beneficio!

Vale comunque la pena spiegare la differenza che può passare tra l’una e l’altra. La ‘bentonite’, per esempio, è ricca di preziosi minerali argillosi ed è adattissima a migliorare la qualità dei terreni sabbiosi. Le farine di ‘roccia primitive’ sono invece ricche di granito e basalto. Mentre la farina del San Gottardo (che prende il nome dal luogo di estrazione) ha una composizione addirittura simile a quella del limo portato dal Nilo. Poi c’è quella di lava, ricavata dalle rocce vulcaniche, che è ricca di potassio, argilla e magnesio.

Quindi, quando andremo ad acquistare la farina di roccia, è sempre meglio capire la sua composizione, affinché contenga le proprietà che mancano al nostro terreno!

Come antiparassitario – La farina di roccia cosparsa sulle piante umide della rugiada del mattino (in assenza di vento e di pioggia) combatte gli afidi e previene le malattie fungine. Se si vuole che il trattamento risulti efficace, l’operazione andrà ripetuta frequentemente nelle settimane di maggiore vegetazione. Inoltre cosparsa a cerchio intorno alle aiuole normalmente attaccate dalle lumache, contribuirà ad allontanarle, logicamente non in caso di pioggia.

La polvere di roccia non è velenosa, ma un coltivatore attento deve sapere che questa polvere finissima va a tappare le fessure presenti sul corpo degli insetti, soprattutto quelle degli apparati respiratori, e opera indistintamente sia sugli insetti nocivi che su quelli utili. Quindi attenzione a respirarla!


La Farina di Basalto è un prodotto di origine vulcanica che grazie alle sue proprietà offre un’ottima soluzione di protezione e nutrizione sia per le piante impiegate nell’orticoltura e per quelle da frutto.
Si tratta, infatti, di un prodotto ad elevata efficacia contro i patogeni; in particolare, le caratteristiche idrofobiche ostacolano l’insediamento di funghi, mentre agisce da barriera fisica nei confronti degli insetti nocivi.
All’effetto di protezione, si aggiunge l’azione di nutrizione minerale, che è molto importante per mantenere la pianta in salute, ad opera di elementi come il silicio, che contribuisce a rafforzare e irrobustire i tessuti vegetali, ed altri micro e macro nutrienti come il ferro, il potassio, il calcio e il magnesio, fondamentali per un migliore metabolismo delle piante. La nutrizione fogliare favorisce il benessere complessivo della pianta, riducendo quindi la possibilità che essa venga colpita da altre malattie, come ad esempio quelle batteriche o causate da virus.
Le proprietà della Farina di Basalto, infine, sono utili anche in post-raccolta in quanto i frutti si mantengono freschi più a lungo.
La Farina di Basalto che abbiamo già visto all’opera per l’olivicoltura, si può allo stesso modo utilizzare in orticoltura, da sola o insieme ad altri prodotti, per ottimizzare la protezione da patogeni in maniera efficace ed ecocompatibile. Il prodotto può essere utilizzato in regime biologico o in agricoltura integrata consentendo, rispetto ad altri prodotti, una totale sicurezza per l’operatore e l’ambiente.
Per questi motivi possiamo affermare che la Farina di Basalto rappresenta un’alternativa totalmente naturale e veramente biologica per la protezione e la nutrizione minerale delle piante.


 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Articoli recenti

  • Archivio articoli x anno/mese

  • Blog

    Blog
  • Dr Vera Sergeeva

    Dr Vera Sergeeva
  • Mercacei

    Mercacei
  • Coi Madrid – Olive News

    Coi Madrid – Olive News