L’altitudine influisce sulla qualità dell’olio extra vergine d’oliva

Teatro Naturale

L’arca olearia 05/06/2019

L'altitudine influisce sulla qualità dell'olio extra vergine d'oliva

Sensibili differenze nella composizione acidica tra gli oli prodotti a elevate altitudini rispetto a quelli prodotti in pianura. Gli extra vergini da olive coltivate a un’altitudine più elevata tendevano ad avere percentuali superiori da acidi grassi insaturi rispetto agli acidi grassi saturi


Gli olivi coltivati ad altitudini più elevate producono un olio di qualità superiore rispetto a quelle delle zone più basse. 
E’ la conclusione a cui è giunto uno studio della Jerash University in Giordania, in cui sono stati confrontati oli prodotti in quota, con altitudini che superano abbondantemente i 1500 metri metri sul livello del mare nella valle di Al-Subaihi, Kufaranja e Madabaa, con quelli prodotti in pianura o quasi, ovvero su altitudini inferiori a 750 piedi (circa 250 metri sul livello del mare).

I ricercatori hanno confrontato un numero limitato di campioni, solo dodici, analizzando il contenuto in acidi grassi. 
Tutti gli oliveti da cui sono stati ottenuti gli oli oggetto di studio erano coltivati in asciutta, ovvero senza irrigazione.

Dopo le loro analisi, i ricercatori hanno scoperto che gli oli prodotti da olive coltivate ad un’altitudine più elevata tendevano ad avere percentuali superiori da acidi grassi insaturi rispetto agli acidi grassi saturi.
Iin particolare per gli oli coltivati in quota era superiore il contenuto in acido oleico, considerato l’acido principale e più importante nella composizione dell’olio d’oliva.

Al contrario, gli oli prodotti a partire da olive coltivato nella valle del Giordano avevano i più bassi tenori di acidi grassi insaturi rispetto ai saturi. 
Gli oli in questione possedevano elevati contenuti negli acidi grassi linoleico e linolenico, che rendeva le olive più adatte per il consumo diretto, come olive da mesa.

Secondo il professore del dipartimento di agricoltura dell’Università di Jerash, Saleh Al-Shdiefat, “l’olio d’oliva prodotto ad alte quote, come quello della zona di Kufranja, è di buona qualità e può conservare le sue proprietà fisiche e il suo valore nutrizionale per più tempo rispetto agli oli prodotti a bassa quota.”

La ricerca si sofferma sulle diversità di quota, non specificando però i differenti regimi termici tra pianura e montagna, che sappiamo possono influire sensibilmente proprio sulla composizione acidica dell’olio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *