Molto meglio cotto

by admin
18 Agosto 2019
Category:   Salute

Pomodori e Carote, perché mangiarli cotti

pomodori e carote

A volte assumere alimenti crudi non è meglio. Gli esempi più eclatanti arrivano da carote pomodori. La nostra è l’epoca delle diete, c’è la dieta One day Light, dove si mira a perdere peso stando solo un giorno su sette a dieta, poi c’è la dieta del limone, del pompelmo, la paleodieta… insomma, i “furbi” di settore non sanno più cosa inventarsi!

In ambito nutrizionale è credenza diffusa che consumare verdure e ortaggi crudi sia più salutare. A tal proposito è nato il cosiddetto stile “crudista” ma non è sempre vero che gli alimenti crudi siano migliori di quelli cotti. E’ vero che alcune vitamine si degradano velocemente con il calore ma è sbagliatissimo generalizzare, soprattutto quando parliamo di vegetali!

Le cellule vegetali, a differenza di quelle animali, sono avvolte da una parete rigida formata principalmente da cellulosa, un materiale che l’organismo umano non riesce a metabolizzare.
Nel nostro sistema gastro-intestinale manca la cellulasi, l’enzima addetto alla degradazione della parete delle cellule vegetali, quindi, molto spesso, la parete deve essere “degradata” meccanicamente, chimicamente o semplicemente, mediante la cottura!
Solo in questo modo l’organismo umano potrà accedere a vitamine e altri preziosi nutrienti.

Come detto in premesa, i casi più eclatanti sono quelli di carote e pomodori. Come carote e pomodori ci sono molte altri ortaggi e verdure ma per ora questi due sono i casi più studiati.

Tutti sappiamo che mangiare carote fa bene alla pelle e alla vista. Le carote ci fanno “abbronzare” di più e meglio, sì, ma solo se mangiate cotte: il beta carotene contenuto nelle carote è abbondante, ma quando le carote sono ingerite crude solo il 3% del beta carotene si rende disponibile. La percentuale sale al 29% se le carote vengono ingerite cotte. In più, l’assorbimento di beta-carotene dipende anche da altri fattori: il beta-carotene è liposolubile quindi se condiamo le nostre carote cotte con un filo d’olio, la percentuale di beta-carotene che sarà disponibile al nostro organismo salirà al 39%, più di 10 volte quelli della carota mangiata cruda.
Insomma, il modo migliore per assumere i carotenoidi è mediante la cottura dell’alimento che li contiene con l’aggiunta di qualche grasso (meglio se olio evo).

Come le carote sono molti altri i vegetali che se ingeriti crudi non riescono a rendere al meglio le loro proprietà.
Il colore rosso dei pomodori è dato da una sostanza chiamata “licopene“, questa molecola fa parte della famiglia dei carotenoidi.
Il licopene ha un ottimo potere antiossidante e si pensa che abbia funzioni protettive nei confronti di alcuni tipi di tumore.

Consumare pomodori quindi è consigliatissimo, tuttavia si è visto che la biodisponibilità di licopene varia molto se il pomodoro è consumato cotto o crudo. Se i pomodori sono consumati freschi e crudi, a parità di licopene contenuto, la biodisponibilità del licopene è due o tre volte più bassa rispetto al pomodoro cotto.

Una salsa di pomodoro, o i pelati in vaso possono contenere fino a 20 volte in più di licopene disponibile, a parità di peso, rispetto ai pomodori freschi.

Il gazpacho è meglio farlo con i pelati che con i pomodori freschi.


One thought on “Molto meglio cotto

  • 5 Settembre 2019

    An interesting discussion is worth comment. I think that you should write more on this topic, it might not be a taboo subject but generally people are not enough to speak on such topics. To the next. Cheers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Articoli recenti

  • Archivio articoli x anno/mese

  • Blog

    Blog
  • Dr Vera Sergeeva

    Dr Vera Sergeeva
  • COI Madrid

    COI Madrid
  • Mercacei

    Mercacei